Venerdì 10 novembre ore 18:

“Malaspina e De André: storia di un’amicizia”

Incontro con OLIVIERO MALASPINA,

amico fraterno e ultimo collaboratore di Fabrizio De André, insieme al quale ha scritto l’inedito “Notturni” e iniziato un romanzo e un dizionario dell’ingiuria.

Partecipa FABRIZIO CALZIA fra i principali esperti di De André, autore dell graphic novel “Uomo Faber”, socio della Fondazione de André, curatore nel 2001 del concerto con Dori Ghezzi e della compilation inedita “Mediterraneo”.

Introduce RENATA BARBERIS

Oliviero Malaspina è un acrobata naturale della penna, che salda anima e genio in una prosa libera da ogni etichetta, piuttosto un caleidoscopio di richiami letterari mai banali e sempre sorprendenti.

Nei suoi racconti, presenti nel nuovo libro “La prossima volta saremo felici”, si passa dall’umorismo picaresco a echi di malinconie lusitane. Ma non c’è nulla di forzato nello stile di Malaspina, che sfugge a ogni cifra stilistica per mettersi a nudo attraverso una penna che distilla dolore e dona umanità.

Sono forse queste sue qualità che avevano colpito Fabrizio De André, di cui è poi diventato amico fraterno e ultimo collaboratore. Insieme a De André, Malaspina ha scritto l’inedito “Notturni” e iniziato un romanzo e un dizionario dell’ingiuria. Ha aperto tutti i concerti del suo ultimo Tour del 1998, e doveva collaborare nel nuovo album (poi mai realizzato). Ora Oliviero vive tra Lombardia, Veneto, Lazio e Francia.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi