Martedì 12 febbraio ore 18: incontro con lo scrittore don LUCA FAVARIN

incontro con lo scrittore

don LUCA FAVARIN

e presentazione del libro

Animali da circo.

I migranti obbedienti che vorremmo

Prefazione di Gad Lerner

(San Paolo Edizioni)

Introduce ATTILIO DE ALBERI

A cura di Libreria Ubik, Acli Savona, Arci Savona

“A me è cambiata la vita quando, mentre stavo mangiando, guardavo il telegiornale e vedevo i morti nel Mediterraneo. Mi son detto: non è accettabile umanamente che mentre io sono qua tranquillo c’è gente che in questo momento sta morendo…”

Così esordiva in TV don Luca Favarin, spiegando il motivo per cui, a un certo punto della sua vita, ha deciso di dedicarsi agli ultimi. C’è molto di papa Francesco in questo prete che, dal 2000 a oggi, sembra aver vissuto cento vite in una: dalla parrocchia, al servizio ai senza tetto, all’impegno contro lo sfruttamento della prostituzione, ai viaggi in Africa, il continente da cui vengono e fuggono i più poveri della terra, quelli che noi “vorremmo più bravi, più puliti e meno fastidiosi”; quelli che i nostri telegiornali trattano come ‘animali da circo’, mettendoli in mostra quando sono violenti e nascondendoli quando “non fanno nulla di interessante”. Il libro racconta un’esperienza di scelta cristiana che nasce dal basso, un’esperienza di sacerdote che ha la forza profetica e che si mette in scia delle grandi figure di “preti di strada”: Mazzi, Ciotti, Rigoldi, Gallo, Benzi soprattutto. Prefazione di Gad Lerner.

Sabato 16 febbraio ore 16,30: “Alice in Austenland”

“Alice in Austenland”

Jane Austen continua a sorprendere anche ai giorni nostri. Incontro per bambini e ragazzi dai 10 anni in su, a cura di

MARIAPAOLA PESCE (MAPI), autrice della serie.

Introduce BARBARA CERUTTI

Alla Ubik questa divertente ed educativa storia per bambini…

Che cosa può succedere a una giovanissima amante di Jane Austen, se condivide la sua stanza al college con una ragazza che vuole a tutti i costi accoppiare i suoi amici? E cosa può succedere ad Alice che, come Jane, vorrebbe solo leggere e scrivere, quando tutto intorno a lei è dedicato a moda e bellezza? La vita al college trascorre piena di emozioni, tra equivoci e scoperte, tra batticuori e sorprese, soprattutto quella che, tra romanzo e realtà ci sono più somiglianze di quanto ci si potesse aspettare! Jane Austen rivive nei personaggi della serie, e passa indenne attraverso il tempo, mettendo a disposizione la sua ironia, il suo sguardo sottile e la sua vena ribelle, per mostrarci che classico non vuole dire necessariamente vecchio, e che femminile non significa per forza leggero e senza spessore.

 

Giovedì 17 gennaio ore 17,30 Sala Rossa del Comune: incontro con la giornalista e scrittrice siriana ASMAE DACHAN

incontro con la giornalista e scrittrice siriana

ASMAE DACHAN

Vincitrice del premio della Giuria al concorso Giornalisti del Mediterraneo 2016, vincitrice del Premio Universum Donna 2013, Ambasciatrice di Pace della University of Peace Switzerland,

e presentazione del libro

“Il silenzio del mare”

(Castelvecchi editore)

libro finalista del Premio “Piersanti Mattarella”.

Introduce ANNA TRAVERSO.

A cura di ARCI Savona, Associazione “Il Cuore del Mondo” Onlus, in collaborazione con la libreria Ubik

Alla sera dalle ore 20,30 cena di solidarietà e incontro con l’autrice alla SMS di Cantagalletto, il cui ricavato sarà devoluto al progetto “Come farfalle” per finanziare una scuola materna siriana con circa 40 iscritti orfani. Per prenotazioni: 349 3261169   Adulti € 15).

L’intento dell’incontro è quello di riportare all’attenzione dell’opinione pubblica la situazione della Siria che è stata al centro del dibattito per un certo periodo e che è poi scomparsa dai media italiani, nonostante non vi siano state soluzioni alla terribile guerra che sta dilaniando quel Paese. La scrittrice italo-siriana Dachan racconterà la situazione della Siria vista con gli occhi di due giovani pacifisti, che nel romanzo cercano drammaticamente di agire per la difesa dei diritti umani e per la fine della dittatura. Scoperti e minacciati dal regime, sono costretti a fuggire dalla repressione che presto si trasforma in una feroce guerra, a cui si aggiunge l’orrore del terrorismo. Si imbarcano in Libia, alla volta dell’Italia, ma durante la traversata accade una tragedia e Fadi arriva a terra da solo.

Martedì 29 gennaio ore 18 Sala Rossa del Comune: incontro con lo storico e scrittore ALBERTO DE BERNARDI

incontro con lo storico e scrittore

ALBERTO DE BERNARDI

Professore di Storia contemporanea all’Università di Bologna, e Presidente di Refat Rete internazionale per lo studio dei fascismi,

e presentazione del libro

Fascismo e Antifascismo.

Storia, memoria e culture politiche”

(Donzelli editore)

Introduce la Prof.ssa GIOSIANA CARRARA

A cura dell’ISREC Istituto Storico della Resistenza,

in collaborazione con la libreria Ubik

“Vi è oggi un uso semplificato e banalizzato, ma fortemente evocativo della storia, come chiave per capire i processi politici in corso, facendo perno sulla categoria di fascismo/antifascismo. Dietro questa forza però si nascondono molte debolezze…”

 L’attuale crescente consenso elettorale della destra leghista ha sortito, tra gli altri, l’effetto di reintrodurre prepotentemente nel dibattito pubblico italiano la parola «fascismo», attribuendole una nuova attualità come esito possibile della crisi politica italiana e facendo riemergere, soprattutto nella sinistra, la chiamata alle armi sotto la bandiera dell’antifascismo. La contrapposizione fascismo/antifascismo ha riassunto i caratteri di una chiave di lettura per il tempo presente, traducendosi però in una sovraesposizione dell’uso pubblico della storia, con costanti riferimenti alla Resistenza, al razzismo, al neofascismo. La storia torna a essere uno strumento di lotta politica, con tutto il carico che questo comporta in termini di semplificazioni, strumentalizzazioni, rimozioni e a volte mistificazioni, che rischiano di inficiare la comprensione della realtà. Scopo di questo libro è fare chiarezza cercando di diradare la nebulosa di incrostazioni ideologiche e di false concettualizzazioni che innervano l’uso della storia nel dibattito pubblico.

 

Incontro natalizio per bambini… Giovedì 13 dicembre dalle ore 15,30 in poi: “Santa Claus alla Ubik !”

“Santa Claus alla Ubik !”

Il vero Babbo Natale in libreria per Santa Lucia

regalerà caramelle, abbracci e messaggi di pace a tutti i bambini

Studiosi provenienti da varie parti del mondo hanno confermato: è proprio lui!!! Passeggiava con la figliola in Corso Italia in una piccola cittadina chiamata Savona (Italia) davanti a una libreria. Dopo aver curiosato si sistemava all’interno. Nelle valigie l’ambientazione magica di Rovaniemi, la casa di Santa Claus al Circolo Polare Artico in Lapponia.

Per tutto il pomeriggio regalerà abbracci, caramelle e messaggi di pace a tutti…

Sabato 3 novembre ore 18 Sala Rossa del Comune: incontro con lo scrittore MAURIZIO DE GIOVANNI

MAURIZIO

DE GIOVANNI

e presentazione del romanzo giallo

“Il purgatorio dell’angelo.

Confessioni per il commissario Ricciardi”

(Einaudi editore)

Letture a cura dell’attore GIUSEPPE BENZO

Introduce RENATA BARBERIS

La nuova indagine del commissario Ricciardi, nel nuovo libro del giallista napoletano De Giovanni, l’autore di gran lunga più amato e venduto della Ubik.

Perché qualcuno dovrebbe uccidere un angelo? Perché qualcuno dovrebbe sposare un dannato?

È maggio, e la città si risveglia per avviarsi verso la stagione più bella. Eppure il male non si concede pause. Su una lingua di tufo che si allunga nel mare di Posillipo viene trovato il cadavere di un anziano prete. Qualcuno lo ha barbaramente ucciso. È inspiegabile, perché padre Angelo, la vittima, era amato da tutti. Un santo, dicono. Un fine teologo, un uomo che nella vita ha donato conforto a tante persone. Un confessore. È maggio, e anche se il sole e la luna sono un incanto, Ricciardi è più inquieto che mai. Lui ed Enrica hanno cominciato a incontrarsi, ma il commissario non può continuare a nasconderle la propria natura, il segreto che a lungo lo ha tenuto lontano da lei. È maggio, e i rapinatori sembrano diventati così abili che il brigadiere Maione rischia di perdere la testa nel tentativo di catturarli. Forse perché sente profonda la mancanza di Luca, il figlio morto, e vorrebbe spiegarlo alla moglie. Ma non è bravo con le parole.

È maggio, è tempo di confessioni.

Giovedì 27 settembre ore 18: “Schegge di democrazia.

Schegge di democrazia.

La distruzione della lapide di Madonna degli Angeli”

di Mimmo Lombezzi e Mario Molinari

Partecipano BALDUINO ASTENGO, GIUSEPPE MILAZZO, MIMMO LOMBEZZI e MARIO MOLINARI

In collaborazione con ANPI, ISREC e ANED

Qualche giorno fa, il 13 settembre, qualcuno ha tentato di uccidere la memoria dei sette antifascisti fucilati al Forte di Madonna degli Angeli in quella che Savona ricorda come “strage di Natale” del 27 dicembre ‘43.

La lapide in loro onore è stata fatta a pezzi, dopo esser finita su una delle tante pagine facebook di ispirazione neofascista che lordano il web.

Un oltraggio inaccettabile per una città Medaglia d’Oro della Resistenza.

Cristoforo Astengo, Aurelio Bolognesi, Aniello Savarese, Francesco Calcagno, Carlo Rebagliati, Renato Vuillermin e Arturo Giacosa persero la vita per garantire a sé e agli altri la libertà di esprimere la propria opinione.

Balduino Astengo non ha mai smesso di ricordare lo zio Cristoforo, eroe di guerra e amico fraterno di Parri e di Pertini, di cui fu “maestro politico”. Nel filmato di Mimmo Lombezzi e Mario Molinari (che verrà proiettato alla Ubik) è lui, accompagnato dallo storico Giuseppe Milazzo, a riportarci in quel luogo di spettri che oggi stanno tornando in città, da Madonna degli Angeli a Villapiana.

 

Martedì 9 ottobre ore 18: “Dove eravamo rimasti?”

“Dove eravamo rimasti?” Dubbi e proposte emersi negli incontri precedenti

Relatore ROBERTO CUNEO Presidente Regionale di Italia Nostra

A cura di Italia Nostra sezione di Savona

Riprendiamo il discorso sui varie problematiche ambientali e paesaggistiche trattate in primavera nei vari incontri mensili alla Ubik, ma ancora rimaste ancora senza risposta: vantaggi e svantaggi dello svincolo dell’Aurelia bis alla Margonara; la mancanza di tutela paesaggistica della nostra città; i progetti che stanno maturando sul Priamar; il riutilizzo acque reflue depurate dell’impianto Depurazione di Savona; Ia mancata prevenzione dei corsi d’acqua in merito a potenziali alluvioni; la mancata valorizzazione del verde in città; la mancata alimentazione a banchina delle navi da crociera al porto, ecc

Sabato 3 novembre ore 18 Sala Rossa del Comune: incontro con lo scrittore MAURIZIO DE GIOVANNI

incontro con lo scrittore MAURIZIO  DE GIOVANNI e presentazione del romanzo giallo “Il purgatorio dell’angelo.

Confessioni per il commissario Ricciardi” (Einaudi editore)

Introduce RENATA BARBERIS

La nuova indagine del commissario Ricciardi, nel nuovo libro del giallista napoletano De Giovanni, l’autore di gran lunga più amato e venduto della Ubik.

Perché qualcuno dovrebbe uccidere un angelo? Perché qualcuno dovrebbe sposare un dannato?

È maggio, e la città si risveglia per avviarsi verso la stagione più bella. Eppure il male non si concede pause. Su una lingua di tufo che si allunga nel mare di Posillipo viene trovato il cadavere di un anziano prete. Qualcuno lo ha barbaramente ucciso. È inspiegabile, perché padre Angelo, la vittima, era amato da tutti. Un santo, dicono. Un fine teologo, un uomo che nella vita ha donato conforto a tante persone. Un confessore. È maggio, e anche se il sole e la luna sono un incanto, Ricciardi è più inquieto che mai. Lui ed Enrica hanno cominciato a incontrarsi, ma il commissario non può continuare a nasconderle la propria natura, il segreto che a lungo lo ha tenuto lontano da lei. È maggio, e i rapinatori sembrano diventati così abili che il brigadiere Maione rischia di perdere la testa nel tentativo di catturarli. Forse perché sente profonda la mancanza di Luca, il figlio morto, e vorrebbe spiegarlo alla moglie. Ma non è bravo con le parole.

È maggio, è tempo di confessioni.