Sabato 7 aprile ore 18: visione del documentario-inchiesta “La rivincita di Casale Monferrato”

visione del documentario-inchiesta

“La rivincita di Casale Monferrato”

Incontro con la regista del film

ROSY BATTAGLIA

Introducono i giornalisti PAOLA SETTIMINI e MARIO MOLINARI

A cura delle Associazioni Cittadini Reattivi, GIT Banca Etica, Coord. ligure GCR Gestione corretta rifiuti, Rete savonese fermiamo il carbone, Comitato Acqua pubblica, Consulta Volontariato Finale

Una città resiliente, una giornalista indipendente, una rete nazionale di cittadini che l’hanno sostenuta grazie al crowdfunding. Nasce così “La rivincita di Casale Monferrato”, il documentario che racconta il riscatto dall’amianto di Casale. La storia e le immagini di questo riscatto, nato dalle lotte operaie, civili e dei familiari delle vittime riunite nella storica AFEVA, sono state documentate dal 2013 al 2017 attraverso le voci dei protagonisti. Il copione è classico: ci sono morti, si scopre che l’amianto causa gravi malattie, tra cui il mesotelioma, ci sono denunce, ma si continua la produzione, così come successo in questi anni a Savona per il grave inquinamento della centrale a carbone.

Se nell’immaginario collettivo Casale Monferrato è la città ferita a morte da Eternit, con oltre 3000 vittime, e la sentenza di prescrizione del 2014 che ha riportato indietro le lancette della giustizia, pochi ancora sanno che nel 2020 sarà libera dall’amianto, prima in Italia e in Europa.

Perché l’unica difesa (da Casale a Vado Ligure) sta nella nostra capacità collettiva di essere cittadini reattivi, che pretendono di abitare e lavorare in un ambiente sano.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi