Martedì 14 novembre ore 18:

“Savona: una città senza

tutela paesaggistica”

Gli strumenti che non abbiamo per tutelare il paesaggio urbano e quindi la nostra identità

Secondo incontro mensile con Italia Nostra sui temi di attualità che riguardano la tutela ambientale della nostra città.  A cura di ROBERTO CUNEO Presidente Regionale di Italia Nostra

Il paesaggio urbano di Savona presenta una identità multipla e contigua. Quella medioevale, quella rinascimentale, quella del periodo a cavallo del novecento; su queste si sono sovrapposte le trasformazioni dovute ai bombardamenti, allo sviluppo demografico degli anni del dopoguerra ed alla fine dell’industrializzazione pesante. Queste stratificazioni ci consegnano una identità che sentiamo il dovere di tutelare per consegnarla con le necessarie trasformazioni alle generazioni future.

Questo processo non è semplice perché è minacciato dalla forza degli interessi economici e dalla debolezza delle amministrazioni pubbliche, non controllate e non stimolate adeguatamente dalla popolazione.

Per la tutela del paesaggio ci sono diverse procedure: leggi, regolamenti, commissioni, confronti dialettici. A Savona si hanno numerosi provvedimenti di tutela puntuale per singoli edifici, ma non c’è una tutela paesaggistica nemmeno nelle zone più pregiate della città. Inoltre gli strumenti previsti dal sistema legislativo sono carenti e inapplicati con grave danno per il patrimonio edilizio urbano.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi