“In difesa dei beni comuni”

Martedì 13 febbraio  ore 18 Aula Magna Liceo

Chiabrera Martini in via Manzoni (vicino alla libreria):

“In difesa dei beni comuni”

Primo incontro mensile contro il processo di privatizzazione dell’acqua, minaccia al diritto alla vita, nell’ambito della “Carovana dell’acqua”

Partecipa lo scrittore e attore

MONI OVADIA

Introducono RENATA BARBERIS e ROBERTO MELONE.

A cura della libreria Ubik e del Comitato Acqua bene comune

ALLA SERA ALLE ORE 21 AL TEATRO CHIABRERA SPETTACOLO TEATRALE “IL CASELLANTE”

Tel  019820409 www.teatrochiabrera.it

Il processo di privatizzazione dell’acqua, in atto in Italia, è uno dei processi più criminali perché è una minaccia al diritto alla vita. È incredibile che nonostante il Referendum del 2011, quando il popolo italiano aveva deciso che l’acqua doveva uscire dal mercato e che non si poteva fare profitto su questo bene così sacro, i governi Berlusconi, Monti, Letta, Renzi e Gentiloni hanno fatto a gara per favorire il processo di privatizzazione dell’oro blu…”, così si esprime in una recente lettera Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano e da sempre impegnato in difesa dell’Acqua, dei Beni Comuni e degli ultimi.

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua lancia un rinnovato percorso di mobilitazione: una “Carovana dell’acqua” che attraverserà i vari territori con una serie di iniziative collegate a partire dal 3 febbraio per concludersi il 25 marzo a Roma con un’iniziativa pubblica in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua.

Contro l’enorme potere delle multinazionali dell’acqua, contro l’accondiscendenza della politica che dobbiamo batterci. Li sconfiggeremo solo se saranno i cittadini a mobilitarsi, ribadendo che l’acqua è un diritto umano universale e fondamentale ed è la risorsa fondamentale per l’equilibrio degli ecosistemi.

Dobbiamo farcela. Si tratta di vita o di morte per miliardi di uomini e donne. Si tratta, come afferma papa Francesco, del “diritto alla vita”.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi