Giovedì 18 maggio ore 18:

“Dalla Siria in Italia con il corridoio umanitario”

A cura di: Comunità di Sant’Egidio, Operazione Colomba del Corpo Civile di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, FCEI Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Chiesa Evangelica Metodista – Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi

Interviene ELISABETTA LIBANORE operatrice della Commissione  Sinodale per la Diaconia Valdese

Era il 29 febbraio di un anno fa quando è atterrato a Fiumicino un volo proveniente da Beirut. 93 persone, in gran parte bambini, tutti siriani. È il primo corridoio umanitario che porta in salvo un gruppo di persone in fuga dalla guerra, in sicurezza e lontano dalle mani dei trafficanti. Da allora molti hanno dovuto affrontare un viaggio difficile, affrontare la morte dei propri cari, la perdita della propria casa e di tutto ciò che avevano. Il dolore, la paura, la separazione, il pericolo: ma senza smettere di resistere e di coltivare la speranza.

Ma queste storie raccontano anche di volontari italiani. I corridoi umanitari sono infatti il frutto di una collaborazione ecumenica fra cristiani cattolici e protestanti: Operazione Colomba del Corpo Civile di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese evangeliche, Chiese valdesi e metodiste che hanno scelto di unire le loro forze per un progetto di alto profilo umanitario.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi