“Dignità e libertà alla fine della vita”

Venerdì 16 febbraio  ore 18  Sala Rossa del Comune:

“Dignità e libertà alla fine della vita”

Incontro con la scrittrice

GIADA LONATI

e presentazione del libro

“L’ultima cosa bella”

(Rizzoli)

Introduce SIMONETTA LAGORIO.

A cura dell’Associazione Savona insieme, in collaborazione con la libreria Ubik

Se anche esistono malattie inguaribili, le persone sono sempre curabili…

Mai come oggi i successi della medicina ci consentono di accarezzare l’illusione dell’immortalità. Però, anche quando saremo guariti una, cento, mille volte, alla fine moriremo. È una cattiva notizia ma è così. Perché allora la morte continua a essere il grande rimosso della nostra cultura? Se anche l’Italia ha avuto recentemente una legge per cui siamo chiamati a esprimere le nostre volontà in un “testamento biologico”, come potremo farlo se non siamo in grado di integrare la fine della vita nel nostro orizzonte?

Giada Lonati è un medico palliativista e Direttore socio-sanitario di Vidas (l’associazione che assiste gratuitamente i malati terminali); il suo lavoro comincia quando la medicina che guarisce è stata sconfitta, quando si dice che “non c’è più niente da fare”, e invece c’è ancora moltissimo da fare. Si occupa di accompagnare persone vive (vivissime) in quell’ultimo tratto in cui tutto cambia significato e prende senso. Quel tratto in cui irrompe una consapevolezza nuova nelle nostre vite, un sapere che getterà una luce più nitida sul nostro presente, darà una dimensione diversa al nostro tempo, ci renderà più intensamente vivi. Una sapienza che l’autrice condivide in queste pagine, ricche di pienezza umana e capaci di rimetterci in relazione con noi stessi, con il nostro essere qui e ora.

(postfazione di Ferruccio De Bortoli)

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi