Venerdì 12 ottobre ore 18: incontro con il giornalista e scrittore GIANNI BARBACETTO

incontro con il giornalista e scrittore GIANNI BARBACETTO e presentazione del libro Angeli terribili.  Una storia di frontiere” (Edizioni Garzanti)

Introduce RENATA BARBERIS

«Qui giace Cruchi, uomo iniquo e perverso, pregare per lui è tempo perso.» È il feroce epitaffio sulla lapide di un uomo morto sul finire della Seconda guerra mondiale, la cui memoria era tramandata di bocca in bocca dai vecchi che avevano vissuto quegli anni tormentati, e che riemerge ora tra i ricordi dell’infanzia dell’autore. Ma chi era Cruchi, al secolo Amadio De Stalis, e che cosa aveva fatto per guadagnarsi quel giudizio crudele, per non meritare neppure una preghiera? Era forse un partigiano? Una spia fascista? O una vittima innocente?

Gianni Barbacetto (giornalista, per La Repubblica e per Il Fatto Quotidiano, scrittore di vari importanti saggi, collaboratore di trasmissioni televisive come “Annozero” e “Blu notte”)  indaga tra le pieghe di testi storici, relazioni di polizia, memoriali politici e privati per portare alla luce una vicenda mai raccontata prima, e con talento di autentico narratore ricostruisce un pezzo della sua storia personale e della nostra storia collettiva, nel mezzo di una guerra di tutti contro tutti che ha diviso i fascisti dai resistenti e i resistenti tra loro. E, sullo sfondo, dipinge con affetto e disincanto quel pezzo d’Italia a nord del Nordest, al confine con l’Austria, quella Carnia ferita, lacerata da divisioni profonde e attraversata da eserciti stranieri, nel bel mezzo della confusa, eroica, sanguinosa epopea della Resistenza.

 

Lunedì 15 ottobre ore 18: incontro con lo scrittore MARIO CALIVA’

incontro con lo scrittore MARIO CALIVA’ e presentazione del libro “Portella della Ginestra. Primo maggio 1947. Nove sopravvissuti raccontano la strage” (Navarra Editore)

Modera lo scrittore GIORGIO AMICO

Il Primo maggio del 1947 duemila lavoratori del Palermitano, della zona di Piana degli Albanesi, di San Giuseppe Jato e di San Cipirello si riunirono a Portella della Ginestra per la Festa del Lavoro. Improvvisamente alcuni uomini, guidati dal bandito Salvatore Giuliano, spararono sulla folla, uccidendo dodici persone e ferendone più di trenta. È la strage di Portella della Ginestra, prima strage di Stato, evento spartiacque del dopoguerra che ha cambiato il corso della storia, da molti considerato il primo grande mistero dell’Italia repubblicana: mai sono stati accertati, infatti, il movente e i mandanti. Dell’eccidio di Portella della Ginestra si è scritto tanto, ma in questo lavoro di Mario Calivà parlano nove testimoni che hanno visto le vittime morire davanti ai propri occhi tra la folla festante. Un prezioso documento di storia orale che permette di andare al di là della storia ufficiale ed entrare nel vivo dei fatti, condividendo emozioni e riflessioni.

Martedì 16 ottobre ore 18: incontro con lo scrittore MAURIZIO MAGGIANI

incontro con lo scrittore MAURIZIO MAGGIANI e presentazione del nuovo romanzo “L’amore” (Feltrinelli editore)

Introduce RENATA BARBERIS

In collaborazione con l’ARCI

Alla sera dalle ore 20 cena di solidarietà e incontro con l’autore alla SMS di Cantagalletto in favore della Fabbrica del riciclo della Comunità di san Benedetto al porto (fondata da don Andrea Gallo), gravemente danneggiata dalla caduta del ponte Morandi

 (Per prenotazioni: 349 3261169 Adulti € 14 euro. Bambini dai 6 ai 12 anni  € 10. Gratis per bambini sotto i 6 anni )

«È notte, ci sono due sposi.» Inizia così, dalla notte, il racconto della giornata di uno sposo, che in ventiquattr’ore ripercorre i suoi amori, tenendo però sempre fermo (come punto di partenza e di arrivo) l’ultimo, quello incontrato in età matura. È alla sua sposa che la sera racconta i suoi amori passati, la «delicata materia di ciò che è già stato».

E allora ecco comparire la Mara, che lui portava sulla bici sopra il monte Muzzerone, perché si sedessero su quel dente di falesia a picco sul mare ad ascoltare la radio…

e riemergono dal passato, con struggimento, con dolore, con dolcezza, la Mara Marosa figlia del pesciaiolo, la Padoan con la sua coda di cavallo, la Gabri e la Chiaretta, e poi Ida la bislunga. È per la sua sposa, scoprirà il lettore, che lo sposo si è spinto a ripercorrere il suo lungo «allenamento a dire ti amo ti amo ti amo». Quanto più scende nel dettaglio, tanto più Maurizio Maggiani  (vincitore di innumerevoli premi quali lo Strega, il Campiello e lo Stresa, collaboratore de Il Secolo XIX e de La Stampa) riesce nel miracolo di raccontare l’amore universale, nei gesti, nelle parole, nelle abitudini, nei turbamenti, scrivendo un romanzo intimo, a volte persino domestico, dove sullo sfondo nondimeno passano, attraverso la musica, il lavoro, gli oggetti, i valori, i nostri ultimi settant’anni.

 

 

Giovedì 18 ottobre ore 18 Sala Rossa del Comune: incontro con lo scrittore ANTONIO MANZINI

incontro con lo scrittore ANTONIO MANZINI e presentazione del romanzo giallo “Fate il vostro gioco” (Sellerio editore)

Introduce RENATA BARBERIS

Rocco è a terra, tradito da Caterina che ha lasciato la questura di Aosta, abbandonato dagli amici, anima in pena si aggira per la città con la sola voglia di rapporti carnali e privi di senso. Si complica anche il suo legame quasi paterno con l’adolescente suo vicino di casa, Gabriele, perché nella storia irrompe finalmente la madre, Cecilia, un personaggio fragile, buio, contraddittorio.

Questa volta il vicequestore Schiavone deve vedersela con una storia di ludopatia, di avidità. Andando su e giù da Aosta al casinò di Saint-Vincent distante una manciata di chilometri si scontra con le incongruenze di uno Stato che lucra sul fallimento di famiglie trascinate nel fondo del barile dal demone del gioco d’azzardo. Nonostante la complessità dell’indagine Rocco non dimentica e cerca di ricucire i rapporti coi suoi amici romani: Sebastiano è ai domiciliari, Furio e Brizio a malapena gli rivolgono la parola. Ma l’impresa è resa più difficile perché l’ombra di Enzo Baiocchi, catturato dalla polizia e diventato ormai un pentito, si allunga ancora sulla vita del vicequestore. Le sorprese che il destino ha in serbo per Schiavone non sono finite e le domande cui dare una risposta sono tante: che fine ha fatto Caterina? Per chi lavorava? E perché la procura riprende a indagare sulla morte di Luigi Baiocchi?  “Fate il vostro gioco” è un romanzo duro, inquietante, un noir ad altissima tensione.

Sabato 20 ottobre ore 18: incontro con la scrittrice ANNA BRUNO

incontro con la scrittrice ANNA BRUNO e presentazione del libro Anima persa anima ritrovata.

Periegesi all’interno dei giardini vaticani”

Nell’ambito del progetto “l’arte pittorico-simbolica del giardino”  (Palombi Editori)

Partecipa DANILO BRUNO

A cura della Società Savonese di Storia Patria e dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri sezione Sabazia

Il giardino è metafora dell’anima e per chi lo attraversa è andare incontro alla propria anima. Così l’autrice attraversa i Giardini Vaticani conducendo il lettore in un verde mondo immaginifico. L’autrice compie il suo viaggio trifasico di dantesca memoria, calpestando i diversi giardini di questo storico luogo: dal boschetto all’inglese al giardino alla francese, a quello all’italiana ospitante quello giapponese. Un “giardino di tanti giardini” che in cambio si dona a lei e al suo lettore abbigliandosi di forme, linee, luci e colori: prati o scarpate punteggiate di bulbose fiorite… vaporosi varchi vegetali di rose rampicanti… a intessere spumeggianti tappezzerie. Di ogni giardino, ne ripercorre storia, stili e simbologia, si insinua nelle personalità dei Papi protagonisti e gioca con gli aneddoti, i sensi e la fantasia. E il giardino man mano le “porge la vita”. Un testo complesso e fluido, ostico e leggero, dove cadute e rinascenze si avvicendano e si fanno poesia, storia, letteratura, simbolo.

 

Venerdì 26 ottobre ore 18: incontro con la scrittrice LAURA DALLA RAGIONE

incontro con la scrittrice LAURA DALLA RAGIONE e presentazione del libro Le mani in pasta.

Riconoscere e curare il disturbo selettivo dell’alimentazione in infanzia e prima adolescenza” (Editore Il Pensiero Scientifico)

Partecipano ILARIA CAPRIOGLIO scrittrice e Sindaco di Savona, dott. CERRO FABRIZIO direttore centro disturbi alimentazione Asl2 (CDAA), dott. ANTONIO MARIA FERRO Responsabile  scientifico CDAA.

Introduce RENATA BARBERIS

Come si possono riconoscere le diverse espressioni delle patologie legate al comportamento alimentare, in un contesto anche savonese di preoccupante abbassamento dell’età media di insorgenza dei disturbi dell’alimentazione? E come intervenire per aiutare bambini, ragazzi e le loro famiglie, nella difficile ricostruzione di un rapporto sereno con il cibo? Questo incontro è rivolto non solo a genitori e ragazzi, ma anche a educatori, pediatri e operatori della salute, per rispondere a queste domande, prestando una particolare attenzione al Disturbo selettivo dell’alimentazione e alle sue connessioni con eventi di vita traumatici e con l’autismo. Si tratta di un lavoro importante, tanto più prezioso in un contesto, come quello contemporaneo, in cui il rapporto con il cibo diventa la cinghia di trasmissione di un’inquietudine epidemica che ha nella tavola la sua scena primaria.

 

 

Sabato 27 ottobre ore 18: incontro con gli scrittori ANDREA NOVELLI e GIANPAOLO ZARINI

incontro con gli scrittori ANDREA NOVELLI e GIANPAOLO ZARINI e presentazione del nuovo romanzo giallo “L’essenza della colpa. La nuova indagine dell’investigatore Astengo” (Frilli editore)

Introduce lo scrittore FERDINANDO MOLTENI

Casi banali per l’investigatore privato genovese Michele Astengo. Piccole questioni di ricatto, tradimenti, controversie economiche. Calma piatta in una vita volutamente avulsa da inutili complicazioni, anche quelle di cuore. Ma una telefonata sta per dare una sterzata violenta alla sua pigra e svogliata esistenza. Arcangelo Argentero, il più grande produttore italiano di profumi, chiede il suo aiuto. Non un’indagine semplice, non ordinaria. Ciò che Argentero gli chiede è qualcosa di alquanto inusuale per un investigatore privato. Astengo all’inizio è riluttante. Ma poi, con il solito cinismo e distacco, accetta l’incarico e inizia l’indagine portando alla luce segreti sopiti, trovandosi all’improvviso proiettato in un gioco più grande di lui, al punto di rischiare la propria vita. Morti sospette, poteri forti, sotto la lente di una Genova che mette in gioco la sua apatia al servizio dell’investigatore. Una città che si colora delle sfumature intense della paura

 

 

Sabato 3 novembre ore 18 Sala Rossa del Comune: incontro con lo scrittore MAURIZIO DE GIOVANNI

incontro con lo scrittore MAURIZIO  DE GIOVANNI e presentazione del romanzo giallo “Il purgatorio dell’angelo.

Confessioni per il commissario Ricciardi” (Einaudi editore)

Introduce RENATA BARBERIS

La nuova indagine del commissario Ricciardi, nel nuovo libro del giallista napoletano De Giovanni, l’autore di gran lunga più amato e venduto della Ubik.

Perché qualcuno dovrebbe uccidere un angelo? Perché qualcuno dovrebbe sposare un dannato?

È maggio, e la città si risveglia per avviarsi verso la stagione più bella. Eppure il male non si concede pause. Su una lingua di tufo che si allunga nel mare di Posillipo viene trovato il cadavere di un anziano prete. Qualcuno lo ha barbaramente ucciso. È inspiegabile, perché padre Angelo, la vittima, era amato da tutti. Un santo, dicono. Un fine teologo, un uomo che nella vita ha donato conforto a tante persone. Un confessore. È maggio, e anche se il sole e la luna sono un incanto, Ricciardi è più inquieto che mai. Lui ed Enrica hanno cominciato a incontrarsi, ma il commissario non può continuare a nasconderle la propria natura, il segreto che a lungo lo ha tenuto lontano da lei. È maggio, e i rapinatori sembrano diventati così abili che il brigadiere Maione rischia di perdere la testa nel tentativo di catturarli. Forse perché sente profonda la mancanza di Luca, il figlio morto, e vorrebbe spiegarlo alla moglie. Ma non è bravo con le parole.

È maggio, è tempo di confessioni.

 

Venerdì 29 giugno  ore 21,15  – Albissola Marina ANTONELLA BORALEVI

Venerdì 29 giugno  ore 21,15  Piazza Concordia – Albissola Marina:

incontro con la giornalista

ANTONELLA BORALEVI

e presentazione del libro

La bambina nel buio

(Baldini + Castoldi)

Introduce Renata Barberis

Antonella Boralevi ha scritto un romanzo potente, una storia a cui non si può sfuggire. Un noir incalzante che svela i segreti del cuore delle donne e affronta con coraggio i temi cruciali dell’anima contemporanea. E ci dice che l’unica salvezza è l’amore.

  1. In una splendida villa della campagna veneta, Paolo e Manuela festeggiano i loro venti anni di matrimonio. Hanno una bambina dolcissima di undici anni, Moreschina. Tutta la buona società di Venezia è accorsa alla loro festa. Camerieri in guanti bianchi, champagne nei calici di cristallo, danze, flirt, pettegolezzi, allegria. Eppure, dentro la gioia, vibra una nota di inquietudine. Un’ansia che cresce a ogni pagina. La festa finirà con una tragedia indicibile…