Giovedì 21 marzo ore 18: incontro con la scrittrice CRISTINA RAVA

CRISTINA RAVA

e presentazione del nuovo romanzo giallo

“Di punto in bianco”

Niente è come sembra per il commissario Rebaudengo

(Rizzoli editore)

Introducono gli scrittori

ANDRA NOVELLI e GIANPAOLO ZARINI

Cristina Rava si conferma una delle voci più acute del noir al femminile, componendo con leggerezza pensosa e impeccabile humor una commedia nerissima sulle miserie di chi arranca nella malora, insieme alla sincera confessione di quello che le donne non dicono…

In autunno le colline di Langa sono uno stato dell’anima: nebbia azzurrina che cinge i crinali, tenue malinconia a invadere i cuori. Lì il commissario Bartolomeo Rebaudengo si ritrova a indagare sulla morte del giovane Dario, scomparso dopo un festino a base di alcol e droghe, e ritrovato cadavere a distanza di alcuni giorni. Intanto c’è il diavolo sulle colline, e ci mette pure la coda dettando un’impressionante sequenza di tragiche casualità e colpevoli omissioni, inestricabili equivoci e gesti rovinosi. La caccia sospingerà Bartolomeo e il medico legale Ardelia Spinola nelle ombre di una terra ancora selvaggia e nelle tenebre di una mente ossessionata dalla vendetta.

 

Venerdì 22 marzo ore 18: incontro con lo scrittore SERGIO DALMASSO

SERGIO DALMASSO

e presentazione del libro

“Una donna chiamata rivoluzione”

Vita e opere di Rosa Luxemburg nel centenario della sua uccisione  (Editore Red Star Press)

Introduce FRANCO ZUNINO

Dalmasso ricostruisce con la mente e con il cuore la storia e le opere di Rosa Luxemburg (tra i classici fondamentali del marxismo), la sua scelta di campo della sovversione dell’ordine costituito da industriali, proprietari terrieri, sbirri e regnanti già quando frequentava ancora il liceo a Varsavia, la sua inesauribile battaglia contro il riformismo, la lotta contro la guerra, l’opposizione al cedimento della socialdemocrazia europea, gli anni del carcere, la tragica sconfitta del tentativo rivoluzionario e, infine, l’assassinio del gennaio 1919: una perdita di portata epocale per il movimento operaio. I suoi assassini, uccidendola, non riuscirono però a far tacere la sua voce che, più attuale che mai, continua a parlare a chiunque nel tempo continuerà a schierarsi dalla parte degli oppressi.

Sabato 23 marzo ore 18: visione del documentario “Dominion” Il film che denuncia la violenza dell’uomo sugli animali

“Dominion”

Il film che denuncia la violenza dell’uomo sugli animali

Scritto e diretto da Chris Delforce.

A cura dell’associazione NALA

Nuova Associazione Liberazione Animali

La pellicola racconta in modo estremamente toccante gli orrori dello sfruttamento animale in ogni settore, ma soprattutto in quello degli allevamenti per l’alimentazione umana. Attraverso le immagini catturate dalle telecamere nascoste all’interno di allevamenti e macelli, il regista accompagna lo spettatore in un viaggio infernale, per farci percepire dentro di noi con grande forza, l’estrema sofferenza degli animali, la loro disperazione, il loro grido di aiuto.

“Gli animali sono individui, esseri senzienti – pensano, provano emozioni, sentono dolore, soffrono, e non vogliono morire. Ogni spettatore ha il potere di fermare tutto questo. Non dobbiamo convincere un Governo, ma sta solo a noi come consumatori, è nelle nostre mani ed è una nostra responsabilità”.

Qui di seguito il film Dominion integrale. Attenzione: è un film con immagini forti:   https://vimeo.com/293741698

Giovedì 28 marzo ore 18: “1968-1969. Gli anni delle lotte operaie e studentesche e la strategia della tensione” Relatore GIORGIO AMICO

1968-1969. Gli anni delle lotte operaie e

studentesche e la strategia della tensione”

Relatore GIORGIO AMICO

A cura dell’ANPI Associazione Nazionale Partigiani

Sezione “Fratelli Briano”

Il biennio 1968-69 segna un momento di radicale cesura nella storia dell’Italia repubblicana, chiudendo il lungo processo di cambiamento degli anni ’60 e aprendo quella stagione dei movimenti che porterà da un lato a cambiamenti epocali,  ma anche a un periodo di violenze e tensioni destinato a durare fino alla fine degli anni ’70.  Sono gli anni delle grandi lotte studentesche e operaie, delle occupazioni universitarie e dei consigli di fabbrica, ma anche, a partire dal movimento femminista, della nascita di realtà politiche e sociali del tutto nuove.

Una stagione di grandi speranze a cui si contrappone fin da subito la ripresa dello squadrismo neofascista e una strategia delle stragi e del terrore con complicità negli stessi apparati dello Stato su cui ancora oggi non è stata fatta completa luce.

Venerdì 29 marzo ore 18: incontro con gli scrittori PATRIZIA TRAVERSO e STEFANO TETTAMANTI

PATRIZIA TRAVERSO e

STEFANO TETTAMANTI

e presentazione del libro

Andar per statue.

A Genova, Savona e in Liguria in 85 tappe”

Le storie che le statue liguri raccontano a tutti coloro che hanno voglia di ascoltarle.

(Il Canneto editore)

A volte si mimetizzano nelle vie delle città, quasi sempre ci passiamo davanti senza vederle e se le vediamo quasi mai sappiamo chi o che cosa rappresentino e perché siano lì, tanto meno chi le abbia scolpite e quando. Eppure le statue della Liguria raccontano tanto di noi, di quello che siamo, di quello che siamo stati e di come vorremmo essere ricordati. Dal Corsaro Nero di Ventimiglia al Peter Pan di Sestri Levante, da Mike Bongiorno a Sanremo alla fionda di Albenga, il giro delle statue della Liguria in ottanta e più tappe è una sorpresa continua, un invito a guardarsi intorno e a giocare con la storia, la memoria e la fantasia nelle pubbliche vie, alla scoperta di storie curiose o struggenti, drammatiche o divertenti. Le storie che le statue raccontano a tutti coloro che hanno voglia di ascoltarle.

Sabato 30 marzo ore 18: incontro con lo scrittore ROBERTO DE ROSA

ROBERTO DE ROSA

e presentazione del libro

“New York”

(Supernova editore)

partecipano il Prof GIOVANNI FARRIS e il Prof SERGIO GIULIANI.  Introduce MARCO LOVISETTI

A cura dell’associazione Medici Cattolici Italiani

Questo libro di racconti è dedicato a chi vuole conoscere una New York diversa, quella degli ordinary people, cioè della gente comune, che popola le strade, i parchi e le stazioni della Subway. Pagine che sanno di nuovo, da dove escono i protagonisti dei sei racconti: il suonatore scalzo di Pebble Beach; Scott che passa le sue giornate in una carrozza della Linea Uno che attraversa Manhattan; Michael e il suo amico Jimmy che giocano a scacchi a Central Park sdraiati sull’erba; Julie e i suoi musicisti improvvisati che sfidano Mozart a Tribute Park; il senza tetto Tom che cerca la redenzione dalle sue visioni nella musica; la fuga da New York di Peter sconfitto e senza speranza verso un ignoto da scoprire.

Giovedì 7 febbraio ore 18 Sala Rossa del Comune: incontro con lo scrittore MARCO MALVALDI

incontro con lo scrittore

MARCO MALVALDI

e presentazione del romanzo

La misura dell’uomo

(Giunti editore)

Introducono gli scrittori

ANDREA NOVELLI e GIANPAOLO ZARINI

Ottobre 1493: Milano è nel pieno del suo rinascimento sotto la guida di Ludovico il Moro. A chi si avventura nei cortili del Castello o lungo i Navigli capita di incontrare un uomo sulla quarantina, dalle lunghe vesti rosa, l’aria mite di chi è immerso nei propri pensieri. Vive nei locali attigui alla sua bottega con la madre e un giovinetto amatissimo ma dispettoso, non mangia carne, scrive al contrario e fatica a essere pagato da coloro cui offre i suoi servigi. È Leonardo da Vinci: la sua fama già supera le Alpi giungendo fino alla Francia di re Carlo VIII. Nel frattempo un uomo è stato trovato senza vita in una corte del Castello, sul corpo non appaiono segni di violenza, eppure la sua morte desta gravi sospetti…

A cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, Marco Malvaldi gioca con la lingua, la scienza, la storia, il crimine e gli ridà vita tra le pagine immaginando la sua multiforme intelligenza alle prese con le fragilità e la grandezza dei destini umani. Un romanzo straordinario, ricco di felicità inventiva, di saperi e perfino di ironia, un’indagine sull’uomo che più di ogni altro ha investigato ogni campo della creatività, un viaggio alla scoperta di qual è – oggi come allora – la misura di ognuno di noi.

Marco Malvaldi è noto soprattutto per la serie di romanzi con protagonisti i vecchietti del BarLume, pubblicata da Sellerio, da cui è stata tratta una serie televisiva.

Ha pubblicato anche altri romanzi e saggi sulla matematica, sulla chimica e sull’umorismo.

Sabato 9 febbraio ore 18: “Energia, inquinamento e clima”

“Energia, inquinamento e clima”

Parliamo di fonti fossili, cambiamenti climatici, energie rinnovabili.

Partecipa ANDREA SBARBARO, co-coordinatore dei volontari di Greenpeace di Genova.

A cura di Greenpeace, in collaborazione con la Rete savonese fermiamo il carbone

Se vogliamo che la Terra continui a essere un luogo ospitale per tutti, dobbiamo proteggere il clima. Stiamo pagando un prezzo altissimo: alluvioni, innalzamento dei mari, siccità, riscaldamento globale sono solo alcuni dei sintomi dei cambiamenti climatici in atto. Il Panel di scienziati dell’ONU sul Clima ha recentemente lanciato un allarme chiaro, che è necessario non lasciare cadere nel vuoto.

Per rispettare gli Accordi di Parigi, dobbiamo scegliere rinnovabili ed efficienza energetica, e contrastare senza se e senza ma le fonti fossili, che peraltro creano anche enormi danni sanitari e ambientali nei territori dove ci sono centrali termoelettriche (come successo anche a Vado Ligure con la centrale a carbone Tirreno Power, considerata la più “letale” in Italia dallo studio SOMO-Università di Stoccarda commissionato da Greenpeace).

Durante l’incontro verranno approfonditi, oltre alle campagne dell’associazione, il punto di vista e le esperienze dei volontari: racconti su come semplici cittadini possono supportare localmente, con azioni semplici e alla portata di tutti, campagne nazionali e globali.

Per informazioni sulle campagne di Greenpeace legate a Energia e Clima: https://www.greenpeace.org/italy/tag/clima/

Da lunedì 11 Febbraio dalle ore 15 alle 16 (ogni lunedì): “La vita che vorrei”

“La vita che vorrei

Incontri settimanali di gruppo per ragazzi, a cura di

SARA PARISI, Operatrice Olistica, Emotional Coach, docente e consulente di crescita personale e Feng Shui.

In un mondo in cui pare che sia tutto intorno a noi, che ci attrae verso i social dove ognuno è isolato in una realtà fittizia e dove tutti “appaiono” felici, è sempre più necessario ricercare una realtà più vera, fatta di emozioni, di contatto reale, di espressione, di comunicazione, imparando ad esprimere tutto ciò che passa, momento per momento, senza lasciare che si sedimentino dolori e frustrazioni, rabbie o paure, ma osservandoli con curiosità in uno spazio sacro creato dal gruppo d’incontro, e scopriamo che tutto ciò che serve per costruire la vita che vorremmo, è dentro di noi. Questi incontri settimanali sono rivolti ai ragazzi per permettere loro di costruire mattone dopo mattone le loro relazioni e la vita in cui vogliono vivere.

Martedì 12 febbraio ore 18: incontro con lo scrittore don LUCA FAVARIN

incontro con lo scrittore

don LUCA FAVARIN

e presentazione del libro

Animali da circo.

I migranti obbedienti che vorremmo

Prefazione di Gad Lerner

(San Paolo Edizioni)

Introduce ATTILIO DE ALBERI

A cura di Libreria Ubik, Acli Savona, Arci Savona

“A me è cambiata la vita quando, mentre stavo mangiando, guardavo il telegiornale e vedevo i morti nel Mediterraneo. Mi son detto: non è accettabile umanamente che mentre io sono qua tranquillo c’è gente che in questo momento sta morendo…”

Così esordiva in TV don Luca Favarin, spiegando il motivo per cui, a un certo punto della sua vita, ha deciso di dedicarsi agli ultimi. C’è molto di papa Francesco in questo prete che, dal 2000 a oggi, sembra aver vissuto cento vite in una: dalla parrocchia, al servizio ai senza tetto, all’impegno contro lo sfruttamento della prostituzione, ai viaggi in Africa, il continente da cui vengono e fuggono i più poveri della terra, quelli che noi “vorremmo più bravi, più puliti e meno fastidiosi”; quelli che i nostri telegiornali trattano come ‘animali da circo’, mettendoli in mostra quando sono violenti e nascondendoli quando “non fanno nulla di interessante”. Il libro racconta un’esperienza di scelta cristiana che nasce dal basso, un’esperienza di sacerdote che ha la forza profetica e che si mette in scia delle grandi figure di “preti di strada”: Mazzi, Ciotti, Rigoldi, Gallo, Benzi soprattutto. Prefazione di Gad Lerner.